15/07/07

cara mamma,
solo dopo 10 mesi che ci hai lasciato riesco a scrivere. Mi manchi da morire, o per meglio dire "ci" manchi da morire.Babbo non riesce a rassegnarsi all'idea che tu non ci sia più, io cerco di stargli vicino, ma a volte il suo pensiero e la sua testa sono altrove, sicuramente ripercorre tutte le tappe della sua vita con te, che sicuramente non sono state facili, ma che avete sempre condiviso insieme e insieme avete vinto.Tutte tranne quella con quel maledettissimo tumore che ti ha strappata alla vita ed alle persone che ti volevano bene. In tutti questi anni io non sono riuscita a dirti "ti voglio bene", ma ora che non ti ho qui con me non passa ora o secondo che non te lo dica.Avrei voluto dirti tante altre cose,ma ora mi rendo conto che veramente la vita è un soffio di vento e che non cogli le occasioni al volo, poche volte ti si ripresenta un'altra possibilità.Tu mi hai insegnato ad amare ed aiutare le persone ammalate, e sicuramente da dove sei sarai fiera di me..Con marco la situazione è più tranquilla.Anche a lui manchi,sia come mamma che come amica.Purtroppo la tua morte ci ha privato di un pilastro fondamentale per la nostra famiglia,ma ci hai insegnato a stare uniti, ci hai fatto ritrovare, e le volte che stiamo insieme sentiamo viva la tua presenza e di questo ne siamo felici.Io penso che da te abbiamo imparato tanto,ma ci devi insegnare ancora molte cose.Io so che tu in qualche modo ti fai presente specialmente con me e babbo, e questo ci da la forza per andare avanti pur avendo un vuoto dentro che ogni giorno diventa sempre più grande.Ogni volta che guardo la tua foto, mi ritornano in mente gli ultimi giorni che eri all'ospedale.Specialmente quando a causa della morfina eri diventata incosciente.Mi guardavi o meglio io pensavo che mi guardassi,avevi gli occhi che parlavano,sicuramente avevi paura, ma sicuramente mi hai sentito quando ti parlavo, ti chiamavo bambolina, ti accarezzavo la testa,ti stringevo le mani.Ho pregato tanto.Quando babbo era accanto a te avevo l'impressione che tu lo sentissi.La sera del 12 dicembre non volevo lasciarti, forse sapevo che sarebbe stata l'ultima volta che ti avrei visto in vita, ma babbo mi ha voluta mandare a casa in tutte le maniere.Sono arrivata a casa intorno a mezzanotte, ero triste.Mi sono buttata sul letto, mi sono appisolata e alle 3.30 di notte è arrivata la maledetta telefonata "mamma se n'è andata ci ha lasciati". Non sono riuscita a dire niente ho abbracciato roberto e ho iniziato a piangere.Poi mi sono vestitae sono venuta in ospedale.Per la strada piangevo,ero con lo zio marco e la zia gabriella.Arrivati in clinica ho mantato le scale a due a due e come sono arrivata nel corridoio davanti la tua stanza ho trovato marco ebabbo che piangevano, ci siamo abbracciati e abbiamo pianto tutti e 3.Poi sono entrata nella tua stanza eri bellissima.Sembrava che dormissi,avevi il viso rilassato, finalmente dopo 30 anni avevi finito di soffrire.Eri avvolta in un lenzuolo bianco,usciva solo il viso.Ti ho dato un bacio, ti ho accarezzato ed ho pianto.Poi è venuta la portantina x portarti all'obitorio, è stato straziante,ti sballottava a destra ed a sinistra, avrei voluto dirle qualcosa,ma x loro è solo lavoro. Quando ti ha caricato sul furgone ho sentito un pezzo del mio cuore strapparsi e venire con te.Poi con glia latri siamo andati a casa, marco è andato via da solo.Mi si è strinto il cuore a vederlo in quello stato.Avrei voluto tenerlo per mano, ma non me lo avrebbe permesso, perchè per marco è difficile mostrare quello che prova.Siamo andati a casa, si erano fatte le 5 di mattina, mi sembrava impossibile che tu non saresti entrata mai più in casa. Verso le 8.30 babbo mi è venuto a prendere e insieme siamo andati a organizzare per il tuo funerale.Alle 16.00 sono venuta con roby e paola alla pubblica assistenza, c'era tanta gente, tutte le persone che bene o male volevano darti l'ultimo saluto.Sono entrata nella stanza dove c'eri tu,tenevo x mano paola,m i sono avvicinata alla tua bara e ti guardavo,e all'improvvisocome in un film ho rivisto la mia vita con te.Quando hanno chiuso la cappella siamo andati a cena da marco, ma in quel momento ho capito che nulla sarebbe stato come prima.La mattina dopo alle 9 io e babbo siamo tornati alla cappella perchè veniva il medico legale x chiudere la bara.A me è toccato il brutto compito di fare il tuo riconoscimento ed assistere alla chiusura della bara, ma prima che sigillassero il tutto ho chiesto di poter restare 5 minuti con te da sola. Il medico molto gentile ha acconsentito, io allore ho pregato per te e mentre il viso mi si solcava di lacrime ho accostato le mie labbra alla tua fronte e ti ho dato un bacio.Poi è venuto il medico, mi ha chiesto se poteva chiudere, io ho accennato di si con la testa. è stato straziante. Sono dovuta uscire fuori e mentre guardavo in mezzo ai campi ho visto babbo che camminava da solo.Mi ha fatto tanta tristezza.Nel pomeriggio c'è stato il funerale. io roby e paola eravamo accanto a te,mentre babbo era qualche fila dietro.Marco non è proprio venuto.Finita la funzione ti abbiamo accompagnato al cimitero e li ho dato libero sfogo alla mia disperazione ERA TUTTO FINITO.Mentre ti calavano nella buca ho pianto abbracciata a roby ed a paola, non potevo credere che non ti avrei più rivisto. Ora a distanza di 10 mesi è ancora vivo il ricordo di te. TI VOGLIO BENE MI MANCHI PROTEGGI LA NOSTRA FAMIGLIA.
LA TUA SUSANNA

2 commenti:

  1. azzolina, susy... cosa dire? forse è meglio tacere... bb.

    RispondiElimina
  2. nel leggerla mi è sembrato di vivere e rivedere la mia stessa situazione con mia madre, e sentire il mio cuore piangere come quella volta in obitorio dove tutti ma tutti i miei parenti cercavano di portarmi via, la sua morte è arrivata improsivamente mentre io ero fuori a fare da balia ai bambini della scuola in montagna, per me la notizia è stata una fitta, mi ricordo la stra percossa da ponte chianale sino a genova, al confontro quelli della formula 1 andavano piano, l'auto correva e le mie lacrime insieme a lei, so che in un tratto di 50 km ci ho messo solo 10 minuti a farlo roba che se mi fermano la patente non la vedevo piu ne anche in foto, sono belle le parole che hai scritto Susy. ciao un bacione da un amico

    RispondiElimina

hanno battuto le ali