15/12/07

26.09

PREGHIERA

Come molti miei contemporanei, sono prigioniero del tran tran “ casa – lavoro, lavoro – casa “.
Giorno dopo giorno, la mia vita è squallida, monotona, senza senso.
Mi alzo per lavorare, lavoro per vivere, ma non so per chi o per cosa vivo!
Qual è realmente il mio scopo, il mio obiettivo?
Signore, ANIEL, vieni presto a spezzare questo cerchio di azioni materiali, per farmi salire sulla spirale dell’elevazione divina; voglio dinamizzare tutti i miei corpi, spiritualizzare tutti i miei atti, per avvicinarmi giorno dopo giorno al Regno Celeste: non voglio ripetere la stessa canzone come un disco rigato, ma voglio comporre, inventare in ogni istante la melodia della mia nuova vita, per diventare co-creatore della sinfonia sacra dell’Età dell’Oro.


PREGHIERA

ANIEL: Signore, attraverso le mie idee, voglio esprimere il Tuo Universo.
So che esistono misteri che non ho potuto comprendere, vette elevate che non riesco a raggiungere; ma intuisco che al di là del mio Mondo, c’è un Mondo più vasto in cui un giorno potremo penetrare tutti.
Ti chiedo, Angelo ANIEL, di farmelo percepire, perché possa annunciare le Tue meraviglie a quelli che si trovano a livelli più bassi del mio.
Io posso raggiungere un punto dal quale vedo che tutto è UNO, e già resto in eterno nella Tua Unità, che deve per forza condurmi alla Pace, alla Ricchezza morale e materiale, e all’azione positiva nell’Opera Divina.


PREGHIERA

Accordami la virtù della costanza e allontana da me ogni punto oscuro che segna la Tua assenza.
Sii presente in me, assicurami la riuscita, giacché io sono in grado di sopportare il peso, le incombenze mie e di altrui.
Io voglio riuscire per servire.
Allontana da me, Signore, l’amarezza e accordami la Gioia.
No, io non sono stanco/a; e sono qui per far rivivere, per rinnovare ogni cosa!
Io posso ricevere, posso restituire, posso cogliere e donare; essere amato/a e amare!
Aiutami, Signore, a riuscire per poter amare.

26.09

Nessun commento:

Posta un commento

hanno battuto le ali