24/09/08

sono in ansia x il papi


ciao. anche oggi come faccio ormai dal giorno 8 agosto giorno in cui io padre ha avuto l'incidente con il relativo ricovero, che trascorro le mie giornate all'ospedale.
non riesco a tirarlo sù, anche la notizia che al 99% sabato lo mandano a casa, non lo ha fatto rallegrare, anzi, lo ha buttato ancora più nello sconforto.non mangia più, ha perso una trentina di kg in 40 gg di ospedale, ci credo il cibo fa oibhò,ma neanche a portarlo da casa mangia.stamani è venuto anche marco,mio fratello, ma era come se fosse assente....sono preoccupata.speriamo che appena mettele chiappette nella sua casa, ritroverà il sorriso e tornerà ad essere il mio adorato papi.baci.

3 commenti:

  1. Sasy, fatti forza. Gli "accidenti" arrivano i un attimo ma per passare ci mettono un sacco. Abbi pazienza, stagli vicino e appena vedrà qualche miglioramento comincerà a riprendersi. un forte abbraccio e baci88 Gloria

    RispondiElimina
  2. Dai pisana... vedrai che tutto si sistemerà! E' stata dura, e lo sarà ancora, ma alla fine il ns Enrico tornerà il grande personaggio che era fino a poco tempo fa. Tu continua a stargli vicino, e cerca di coinvolgere ancor di più Marco... che potrebbe avere un ruolo importante, se solo volesse, in tutta la faccenda. Dai una pacchetta sulla spalla al Piazza, e che si dia una mossa, perbacco! Basta piangere... su le maniche! bacione, bb.
    p.s.: scusami x oggi pom... ero un po'... occupato? ;-)

    RispondiElimina
  3. @bb:non ti preoccupare,ho capito dalla voce, che stavi....impegnato.ti volevo chiedere una cosa, ma poi mi sono accorta che forse potrebbe essere stata una cazzata chiedertelo e quindi non ti ho più chiamato. baci su.
    @zia:cara ziotta,gtazie x le belle parole,hai ragione quando papi sarà di nuovo a casa sua, nel suo letto, fra i suoi ricordi, piano piano ricomincerà a reagire. ora ha nella stanza un signore malato di alzaimher, equindi passa la notte a parlare e di conseguenz mio padre non riusce a chiudere un'occhio. cmq sabato è dopodomani, speriamo che venga a casa. grazie ancora. susy

    RispondiElimina

hanno battuto le ali